Contenuto principale

Messaggio di avviso

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Clicca Qui per ulteriori informazioni.

Smartphone morfeo 

Da "Tecnica della scuola" un articolo di Alessandro Giuliani che volentieri pubblichiamo.

Basta con lo smartphone regalato ai bambini di dieci anni: lo chiedono cinque associazioni di genitori di alunni della primaria di Roncade e Monastier, nel trevigiano.

"E se cominciassimo cercando di evitare che ai bambini delle scuole elementari, in occasione di compleanni, promozioni di fine anno o della Prima Comunione fosse già regalato il loro primo smartphone?", si legge nel documento sottoscritto e diffuso attraverso i social media.

Nel documento si affronta in modo critico, sviscerando i pro ed i contro, il precoce utilizzo dei telefoni cosiddetti cellulari, in particolare per quanto riguarda il loro impiego per lo scambio indiscriminato di informazioni, fotografie e video.

"Internet – scrivono le associazioni - in pochi anni ha provocato una moltiplicazione di informazioni, contatti, e interazioni specialmente sotto forma di social, chat eccetera, che spesso proprio per la loro quantità, velocità e tempo che assorbono, rischiano di far perdere il senso della realtà autentica".

Il documento riporta anche che "il punto d'incontro e socializzazione è in rete e sempre meno in campetti piazze o oratori. Sono sempre di più gli occhi incollati al piccolo schermo di un cellulare dove si incrociano voci e parole ma nessun viso, nessun suono, nessuna emozione genuina" ed in cui "uno sbaglio, una leggerezza o una confidenza magari personale, talvolta fotografica, commessa proprio a causa dell'inesperienza, dell'ingenuità, non è rimediabile perché la rete non dimentica né cancella nulla".

Visto che le cose stanno così, serve "un ritorno del buon senso, meglio se con un accordo ampio fra tutti i soggetti educatori, genitori in primis, insegnanti e istituzioni. Stabiliamo noi tutti assieme il momento in cui fornire il telefono ai figli e confrontiamoci per riflettere magari dandoci un decalogo comune su come accompagnare le nuove generazioni nello sconfinato mondo del digitale che noi stessi, forse, per primi e non senza colpa conosciamo troppo poco".

Anche gli insegnanti, quindi, vengono coinvolti. E le associazioni fanno bene: perché la categoria, su cellulari e smartphone concessi in età precoce, ha più volte espresso pareri analoghi a quelli dei genitori. Tutti d’accordo, quindi: meglio ritardare l’acquisto, meglio regolarlo solo quando avremo costruito una maggiore conoscenza e consapevolezza sui rischi della rete.